Archivio

Archivio per giugno 2007

flussi mariani

26 giugno 2007 1 commento
Appurato che a Bologna la madonna non piange sperma, copio e incollo da un post apparso su 7yearwinter un passaggio di South Park assolutamente irrinunciabile.
 
 
 

perversi parallelismi d’oriente

26 giugno 2007 6 commenti

L’immaginario collettivo di un popolo è il frutto della sedimentazione del folklore, dei miti, della tradizione orale, degli usi e dei costumi. In Giappone, isola la cui attività ruota storicamente sull’industria ittica, è sempre presente, massivamente, la figura di esseri marini; in proposito rimando ad un vecchio post sul sesso tentacolare.
Non stupisce quindi che gli animali presenti nelle storie tramandate entrino furtivamente nelle menti degli abitanti del sol levante fin da piccoli ed escano sotto forma di fantasie sessuali in età matura. Pesci, anguille, polipi, rane… sia nell’espressione artistica più metaforica che nell’hard core.

 

 

 

fonti:
–> The Art of Fuco Ueda
–> genki-genki 

Prosegui la lettura…

porno a 8 bit

21 giugno 2007 1 commento

quando i visi dei trentenni d'oggi erano coperti di brufoli e si aspettavano le dieci e mezza di sera per cambiare furtivamente canale e guardarsi Colpo Grosso, c'erano gli amati Atari, i Vic-20 e i vari Commodore… e il porno muoveva i suoi primi passi a nel mondo a 8-bit. 

Per rigustarsi il fascino indiscreto dell'hard pixelato (in tempi di alta definizione) segnalo un buon articolo che ripercorre la storia delle console e dei giochini maialini all'insegna del porno-retro-computing.

–> nerd porn

–> girls.c64

–> ascii porn 

–> pixel porn

–> i geek più sexy del 2006 

Categorie:geek stuff Tag:

la bibbia e la Disciplina Domestica – vol.2

15 giugno 2007 5 commenti

spankme hardD: caro Fastidio,
sono un giovane credente. E ho un problema.
Un giorno stavo cercando su google "crocifissi+pornografia" (mi vorrei infatti documentare su tutte le nefandezze che si trovano in rete per poi denunciarle sul mio blog cattolico, che adesso non cito ché poi magari lei e i suoi amici me lo riempite di porcate immorali) e sono capitato per sbaglio proprio su Fastidio.
La prima reazione è stata di disgusto. Volevo scappare via, inorridito, da così tanta lascivia promiscua. Poi, mosso dalla pietà cristiana che provo per voi pecorelle un po' smarrite cadute in tentazione sulla via che porta alla dannazione (eterna), ho pensato che bisognava fare qualcosa.
E mi son messo a leggere tutto, a guardare tutto. Ho sofferto, è vero, ma almeno un tentativo per capire e perdonare lo si doveva fare.
Alla fine, sudato e stremato da questo viaggio nelle province di Sodoma e Gomorra, sono ahimè stato assalito da dubbi, pensieri poco puri, quesiti farisei.
Per la stanza ho sentito come spandersi odore di zolfo. E Lucifero ha fatto capolino in camera mia.
L'ha fatto proprio mentre leggevo trafelato uno degli ultimi scritti eretici pubblicati: "bibbia hard core".
Le porte della perdizione si sono schiuse e io ho visto il baratro immorale lambito dalle fiamme della tentazione.
Ora, ho un problema.
E mi rivolgo purtroppo a Lei, che forse, visti gli argomenti che tratta, un po' esperto in malattie sessuali lo è.
Io ovviamente non mi posso esporre, considerata la fede da preservare e una mamma che ne morirebbe se solo giungesse alle sue orecchie qualche cosa… per non parlare del parroco!
Sono quindi costretto a confidare nel suo aiuto (del resto, è stato lei a commettere crimen sollicitationis provocandomi certe fantasie invereconde).
E le domando:
ammettendo che io abbia un assurdo desiderio di battere le natiche della mia fidanzata, questa pratica è compatibile con il mio anelito verso Dio?

lettera firmata

 

R: Carissimo lettore, non commetti certamente peccato. Battere la propria fidanzata è non solo atto dovuto, è volere del Signore. La mano che si leva sulle giovani natiche della tua futura sposa è la mano di Dio che corregge le storture di un essere tentatore. Le Sacre Scritture sono chiare a riguardo, prescrivono anzi la massima DISCIPLINA DOMESTICA. Cercherò di essere più chiaro a riguardo e mi scuso fino d'ora per la pur necessaria prolissità. Ma è a fine di redenzione.

Prosegui la lettura…

copertine d’altri tempi

12 giugno 2007 Commenti chiusi
segnalo questa raccolta di copertine di LP anni ’60/’70
cover lover
Categorie:vintage porn Tag:

bibbia hard core – vol.1

7 giugno 2007 6 commenti

Nota: Tutte le citazioni sono prese dalla traduzione de La nuova Diodati attraverso l'ottimo portale biblegateway in cui potrete leggere i vostri passi preferiti della Bibbia anche in lingua maori o in ilonggo, se preferite.

Fin da quando, giovane balilla, sono stato obbligato all'ascolto della santa dottrina e delle messe in genere, mi stupiva l'insistenza posta sulla sola lettura dei Vangeli, un insieme di testi storicamente manipolato e selezionato ad hoc per essere il più possibile in accordo nel sostenere i dogmi della massima istituzione cristiana; mentre, in qualche modo tutto l'Antico Testamento è sempre stato messo un po' da parte dalla dottrina cattolica, soprattutto in certuni suoi passaggi. Eppure quello che accomuna i tre monoteismi è proprio quell'insieme di libri che da noi viene sempre letto in velocità e in passi ben selezionati.
L'Antico Testamento è una lettura truce, fatta di stupri, rapimenti, assassinii; gli ebrei, che più dei cristiani studiano la Bibbia, lo sanno bene. Il dio ebraico, quello dell'Antico Testamento è un dio vendicatore, ed è lo stesso dio dei Cristiani. Gesù non è da meno, secondo i Vangeli apocrifi è uno che quando gli girano ti lascia lì secco; un caratteraccio.
La Bibbia è indecente, è gore. Mi piace. Mi è quindi venuto in mente di fare un lungo, pallosissimo post, sull'aspetto porno-pipparuolo di questo bel libro pulp, tentando di cogliere il lato hard (quello che hanno in mente i preti, per capirci), il lato bavoso della volontà di sapere che riempie il confessionale di ormoni ed umori raccogliendo i brani più scabrosi e a sfondo sessuale; la parte pervertita della Bibbia è proprio quella della generazione del peccato attraverso la descrizione, l'indugio ostentato, di situazioni peccaminose.
Vista la lunghezza delle citazioni seguiranno un altro paio post; uno sul sadomasochismo e un altro sulla nascita del concetto di pornografia all'interno dell'Antico e del Nuovo Testamento.

david nicholson

Prosegui la lettura…

Categorie:anticlericale Tag: ,

sulla sicurezza

7 giugno 2007 Commenti chiusi
da Il Manifesto del 05 giugno 2007
 
Perché le forze dell'ordine hanno sempre ragione
C'è una nobile gara tra destra e sinistra nell'esprimere appoggio incondizionato ai tutori dell'ordine pubblico, considerando ogni minimo dubbio sul loro operato un oltraggio, una bestemmia, un tradimento Il sentimento di diffusa precarietà è tradotto dai teorici della toleranza zero in un problema di contenimento e lotta senza quartiere contro le «classi pericolose». Da qui il baratto tra una rinuncia o una limitiazione di alcuni diritti civili in ca
Marco Bascetta

La virtù cardinale del «moderatismo», nella dialettica politica delle democrazie parlamentari occidentali, è motivata da una presunzione e da una tautologia tra loro intimamente collegate. La presunzione è che in un «paese civile» la posizione moderata sia, per definizione, maggioritaria. La tautologia è che è maggioritaria perché moderata e, viceversa, moderata perché maggioritaria. Orbene, tra i pilastri fondamentali del «moderatismo» politico corrente va annoverato il seguente principio: «la polizia ha sempre ragione», dove per polizia si intendono tutte le forze dell'ordine, dalla polizia di stato ai carabinieri alla guardia di finanza. Si può sensatamente sospettare che un simile punto di vista non sia affatto condiviso dalla maggioranza, ma è questo uno dei casi in cui la validazione tautologica funziona senza ammettere obiezioni. Che lo stato e i suoi amministratori di turno apprezzino e difendano le loro forze dell'ordine, che queste occupino uno spazio permanente nella retorica ufficiale è una circostanza del tutto normale quando non sconfini, come spesso è accaduto e continua ad accadere, nella copertura di abusi e vessazioni.
Ma ciò cui assistiamo quotidianamente in una nobile gara tra destra e sinistra è la pretesa che i cittadini «amino» incondizionatamente i tutori dell'ordine pubblico e ne invochino assiduamente la protezione, assolvendone pregiudizialmente qualsiasi comportamento e rinunciando a strumenti di controllo e garanzia che ne sorveglino l'operato.

Le grane di Moltalbano
Tanto sforzo alimenta, per inciso, il dubbio che questo amore non sia così diffuso, né così agevole da suscitare. Chi non ha mai subito nel corso della vita qualche episodio di arroganza, o peggio, da parte degli uomini in divisa? In ogni modo dalla scuola ai media, dalla cosiddetta pubblicità istituzionale alla fiction televisiva, tutto è una grande anelito di amore per polizia, carabinieri e guardia di finanza. Non c'è fiera in cui gli uomini del ministero degli interni non allestiscano allegri stand dove chiassose scolaresche vengono accolte e condotte da simpatiche poliziotte attraverso l'affascinante mestiere del detective. Concorsi di disegno, di prosa e di poesia, incitano gli scolari a trovare i migliori colori o le migliori parole per ripagare l'amico poliziotto del suo aiuto e del suo sacrificio. Infinite serie televisive alimentano una immagine patinata delle forze di polizia, dove la violenza si presenta solo come sereno ed equilibrato impiego di una forza rispettosa dei diritti e della dignità di tutti, con contorno di pensose riflessioni sulla difficoltà di discernere il bene dal male, sul peso del dovere e altri drammi sentimentali. Per non parlare dell'enfasi apologetica che circola in tutte le sedi istituzionali. E quando Andrea Camilleri osa mettere in bocca al suo simpatico commissario Montalbano qualche battuta amara sullo scempio di Genova, la Rai pianta una grana. Quanto ai politici, non perdono occasione di esprimere la propria solidarietà e vicinanza alle forze dell'ordine, le cui prerogative, ampliate a ogni legislatura, sono comunque assolte da ogni sospetto di eccesso o di devianza. E se, sporadicamente si affaccia qualche timida richiesta di controllo, viene accolta come un vero e proprio affronto, una bestemmia, un tradimento.
Quelle poche volte che il marcio viene a galla, la stampa si guarda bene dal darvi eccessiva importanza. Non v'è paragone tra lo spazio dedicato a qualche scritta irriverente o minacciosa sui muri delle nostre città e quello assai modesto riservato ai troppi soggetti «molesti», riportati all'ordine un po' troppo con le cattive e talvolta con tragiche conseguenze.
In realtà tra sinistra e destra qualche lieve differenza c'è. Mentre l'amore della prima si estende anche alla magistratura, quello della seconda assai meno. E non solo perché può accadere che qualche personaggio eccellente finisca sotto processo, ma soprattutto perché se il cittadino «moderato», almeno così si è inclini a pensare, non rischierebbe mai di finire nel mirino della polizia (puntato essenzialmente sulle cosiddette classi pericolose) rischia invece di finire in quello della magistratura. Quest'ultima, infatti, è chiamata a confrontarsi, almeno in teoria, con tutta l'articolazione dei comportamenti sociali (che comprendono le forme «borghesi» del crimine) e la complessità del sistema giuridico, e quindi a giudicare, con la conseguente possibilità di giudicare male.

La norma dell'impunità
La polizia, invece, non giudica, agisce, e dunque non può sbagliare. L'errore giudiziario è contemplato nel dibattito pubblico, l'arbitrio di polizia non lo è. Tra gli argomenti preferiti della propaganda di destra figura l'accusa rivolta alla magistratura di metter fuori i criminali che la polizia con rischio e fatica cattura. Ma se il giudizio sulla magistratura può divergere, secondo le stagioni e le convenienze, quello, implicito, sull'infallibilità della polizia è assolutamente unanime. Tanto che la politica, pur di non dovervi rinunciare, preferisce prender di mira la politica stessa, beninteso nelle vesti dell'avversario. La vicenda delle violenze poliziesche di Genova, dei reati e dei depistaggi messi in opera per coprirle è assolutamente esemplare. Pur di assolvere gli esecutori materiali della mattanza nelle vie della città, nella scuola Diaz e alla caserma di Bolzaneto e i loro comandanti, l'opposizione puntò l'indice, sulla «gestione politica» della piazza e sulla presenza dell'allora vicepremier Gianfranco Fini nella sala operativa della questura. Laddove si lasciava intendere che se le forze dell'ordine avessero potuto agire secondo la propria esperienza e i propri metodi, le cose sarebbero andate molto diversamente. Se, nella chiacchera corrente il marcio nel mondo politico è ben rappresentato, l'azione di polizia resta sempre al riparo da qualunque critica o sospetto. Solo pochi, nel trionfo generale di una riscrittura statolatrica della storia degli anni '70, hanno avuto il coraggio di ricordare quanto l'onnipotenza, l'impunità assoluta dei «cittadini al di sopra di ogni sospetto» e del lavoro sporco che spesso furono destinati a svolgere, avrebbe alimentato l'escalation della violenza politica. È un miracolo, dovuto all'intelligenza politica dei movimenti, che l'errore, ripetuto dopo lo scempio di Genova, non abbia determinato analoghe conseguenze.

L'arbitrio dei «normali»
L'exemplum virtutis sotto forma di azione di polizia è alimentato da almeno tre elementi decisivi dell'ideologia «moderata». Il primo è rappresentato da un discorso pubblico che convoglia i numerosi fattori di incertezza e precarietà della vita contemporanea verso una idea di «insicurezza» che reclama protezione, intesa a sua volta esclusivamente come ordine pubblico. Il cittadino è spinto a considerarsi in primo luogo «potenziale vittima del crimine» e dunque disposto a progressive rinunce in fatto di diritti, pur di essere protetto dalla minaccia che incombe. Che la sicurezza possa consistere anche nell'essere al riparo dall'arbitrio di chi esercita un pubblico potere, in diritti, garanzie e prerogative individuali, è un significato bandito dall'ordine del discorso dominante. Questa scissione e riduzione dell'idea di «sicurezza» è resa possibile da una polarizzazione estrema tra il mondo dei «devianti» e il mondo dei «normali». Dei primi dovrà dunque occuparsi esclusivamente la polizia a beneficio dei secondi.
Alla base di questa polarizzazione vi è il secondo elemento decisivo. Si tratta di un ragionamento, proveniente d'oltreatlantico, ma ormai saldamente radicato nel vecchio continente, che funziona pressappoco così: bisogna farla finita con tutte le «scusanti sociologiche» sulle radici sociali e ambientali del crimine, che hanno lungamente assecondato politiche tolleranti e velleità di integrazione, per tornare al sano principio secondo cui «non è la società ad essere responsabile del crimine, ma sono i criminali ad essere responsabili del crimine». Fin qui è il ripristino di un vecchio e incrollabile principio puritano e la riedizione collettivizzata della predestinazione calvinista. Tuttavia sebbene il crimine sia considerato il risultato del libero arbitrio individuale, il prodotto di una singola soggettività, per così dire, «votata al male» e predestinata alla dannazione esso infligge un danno che è di natura sociale. Ad essere colpita non è solo, né soprattutto, la vittima di quello specifico atto criminale, ma la società intera. Ed ecco che la società, scomparsa tra i fattori che condeterminano il crimine, si ripresenta, tuttavia, come sua principale vittima. Morale: la società è sempre buona e giusta, sono i singoli ad essere malvagi. O anche: il mercato è sempre buono, sono i singoli a conquistarsi la virtù del successo o il disonore del fallimento. L'indice puntato contro la responsabilità individuale, si traduce sempre e comunque in una difesa integrale dell'ordine costituito, che corrisponde però, in questo modo, anche a una sorta di «irresponsabilità sociale». È precisamente in questo punto che l'ideologia e la pratica neoliberista, divorziando dalla tradizione liberale e garantista, si intreccia con un incremento delle funzioni repressive dello stato. Minimo come stato sociale, massimo come stato di polizia. Come l'ideologia dell'«irresponsabilità sociale» sia poi conciliabile con le ripetute geremiadi sulla mancanza di valori e sul cinismo della società contemporanea resta avvolto nel mistero.
Resta comunque la centralità assoluta della repressione, sollevata da ogni condizionamento, dubbio o insufficienza. E la conseguente infallibilità di chi la esercita, ossia la polizia. Una volta respinta qualsiasi influenza degli squilibri sociali sui comportamenti devianti, ne risulta conseguentemente esclusa qualsiasi efficacia delle politiche sociali in questo ambito. A questo punto il ricorso alle forze di polizia per risolvere qualunque problema nelle più diverse sfere della vita civile non ha più argini. Esiste un problema di consumo di spinelli nelle scuole superiori? Si chiederà ai carabinieri di compiere azioni improvvise di controllo, con cani e quant'altro. A proporlo non è un governatore texano, ma il ministro della salute di un governo di centrosinistra in Italia!

Gli alieni da richiudere
Lo spropositato sviluppo del comparto della sicurezza (inteso nella sua dimensione poliziesca e penitenziaria) in tutto l'occidente, accompagna questo passaggio senza ritorno dai tentativi di integrazione all'organizzazione dei dispositivi di repressione investiti oggi di una missione, per così dire, «risolutiva». Ma la definizione «antisociologica» delle «classi pericolose», intese come bacino di individualità inclini al crimine, ha un'altra conseguenza assai rilevante. Sebbene questi gruppi sociali abitino il cuore delle società sviluppate, ne ripercorrano a loro modo aspirazioni e comportamenti, ne assumano abitudini e atteggiamenti, essi vengono considerati come corpi estranei, come un Altro irriducibile, o, detto altrimenti, come nemici stranieri. Un punto di vista che alimenta xenofobia e pulsioni razziste e, a sua volta, se ne alimenta. Ma, soprattutto configura l'azione di polizia come azione di guerra. Le forze dell'ordine appaiono così non più come una articolazione dell'ordine sociale, con i vincoli e i limiti che ne conseguono, ma come un esercito schierato a difesa della nazione e che le necessità della guerra assolvono da rudezze e prevaricazioni.

I moderati vanno alla guerra
Nell'emergenza della guerra, il punto di vista militare gode di una sua indubbia autonomia. Una molteplicità di esempi testimoniano come dalle banlieues francesi ai ghetti americani le forze di polizia agiscano come truppe combattenti in zona nemica. Forze d'occupazione in territori ostili. E così vengono sempre più percepite da una parte della popolazione, quella giovanile prima di tutto. L'espressione «guerra al crimine» è tutt'altro che metaforica, indica con precisione una progressiva affermazione della logica oltre che del linguaggio militare nelle questioni di ordine pubblico. Linguaggio ormai ampiamente assunto dai ministri degli interni di tutti gli orientamenti politici. Ma la «guerra al crimine» sposta anche sulle forze di polizia quella retorica dell'eroismo, un tempo riservata al soldato in tempo di guerra. L'agente di polizia, differentemente, per esempio, da un vigile del fuoco o da altri mestieri di pubblica utilità esposti al rischio, viene circondato da un'aura di eroismo e di martirio.
Ma vi è un ulteriore elemento di preoccupante irrazionalismo. L'infallibilità della polizia e quella continua domanda di dispositivi di controllo e di sorveglianza sempre più perfetti e pervasivi, che giustamente terrificavano gli spiriti liberali di un tempo, che vi vedevano l'essenza stessa del totalitarismo, deriva da un'idea, tanto bizzarra quanto pericolosa. E cioè che il potere non possa che essere buono, la democrazia irreversibile, le libertà, in fin dei conti, rispettate quanto basta. Cosa accadrebbe se un sistema di sorveglianza senza residui cadesse, qualora già non lo fosse, in cattive mani? Non ne abbiamo forse già avuto un assaggio con l'abuso delle intercettazioni telefoniche? Il 1984 di George Orwell, da spauracchio del liberalismo è diventato il sogno in via di realizzazione di sindaci di destra e di sinistra, l'obiettivo agognato di una governance integrale. Il culto della polizia non è che l'assoluzione preventiva di ogni potere e l'invito rivolto ai governati (che non può essere declinato) a cercare solo nella subordinazione la sicurezza e la felicità.

Categorie:ripostiglio Tag:

sadomasochismo anni ’70

5 giugno 2007 1 commento

"I'll bet your twin sister isn't anything like you…"

 
Categorie:vintage porn Tag: ,

vaticano, il prequel

5 giugno 2007 Commenti chiusi

Slavoj Zizek è un filosofo e psicanalista lacaniano di Lubiana. Ritrovo e pubblico con piacere questo suo articolo di due anni fa sugli abusi sessuali istituzionalizzati dalla Chiesa Romana.

 

prete libidinosoL'immunità sull'altare del peccato

da “il manifesto”, 7 settembre 2005

Sulla Chiesa cattolica in Croazia incombe uno scandalo imbarazzante: nell'orfanotrofio Alojzije Stepinac gestito dalla Caritas a Brezovica, vicino Zagabria, sono stati scoperti casi di gravi abusi sessuali. Le Organizzazioni non governative avevano cominciato a richiamare l'attenzione su di essi già nel 2002, quando al loro telefono amico giunsero telefonate disperate su pesanti e sistematici abusi verbali, fisici e sessuali su bambini. L'allora ministro del lavoro e del welfare, un membro dell'ex partito comunista che guidava la coalizione al governo, decise di bloccare gli interventi fornendo in seguito una spiegazione di deprimente sincerità: «Se avessi fatto qualcosa o avessi chiuso l'orfanotrofio, mi avrebbero crocifisso come il comunista cattivo che vuole sopprimere la Chiesa». Alla fine sono stati raccolti elementi sufficienti per l'incriminazione, la polizia ha cominciato a indagare, e sulla stampa si sono moltiplicati gli articoli. Com'era prevedibile, secondo i rappresentanti della chiesa lo scandalo sarebbe scoppiato perché i «media anticattolici» cercavano una notizia negativa da pubblicare per compensare l'informazione favorevole alla chiesa negli ultimi giorni di vita di Giovanni Paolo II. Jelena Brajsa, la direttrice dell'orfanotrofio, per molto tempo ha continuato a sostenere che nell'orfanotrofio si erano verificate alcune «situazioni sessuali», ma che erano «normali», proprio come picchiare i «bambini indisciplinati» sarebbe «un normale elemento del processo educativo». La donna ha negato risolutamente che il suo staff avesse abusato sessualmente dei bambini. Protetta dalla Chiesa e dai responsabili della Caritas, ha assunto un atteggiamento tracotante e ha detto che «negli orfanotrofi cattolici lo stato non ha niente su cui indagare». A suo parere «le ispezioni negli orfanotrofi cattolici sono come la censura della messa da parte dei funzionari statali». Prosegui la lettura…

Categorie:anticlericale Tag:

psychopathia sexualis IV – urolagnia

4 giugno 2007 Commenti chiusi

molly peeingBere urina non fa certo male. Anzi, per molti è un'ottima terapia (pare anche preventiva contro il cancro) e ne consigliano il consumo quotidiano. Guardando alla composizione chimica è come bere gatorade autoprodotto. Se poi è della pipì di maometto che si tratta, allora della sua purezza e bontà è stata recentemente data garanzia dal gran muftì d'Egitto in persona. La stessa Bibbia, Libro dei Profeti 5:15, raccomanda: "Bevete l’acqua dalla vostra stessa cisterna, l’acqua che scaturisce dal vostro stesso pozzo". C'è poi tutta la dimensione ludica che non sto qui ad affrontare visto che il web ne è pieno, dalla pioggia dorata al giapponesissimo omorashi.
Tra i bei ricordi d'infanzia rimane incastonata nel diadema delle mie pervertite rimembranze la pietra miliare delle rockbitch (link al video in fondo al post) che fanno dei sani gargarismi di piscio e poi sputano l'urina sul pubblico. Non esiste miglior modo per trasmettere il proprio calore interiore alle persone che si amano.

caso 161
X., ventiquattro anni russo, impiegato, di madre nevropatica e padre psicopatico. E' intelligente, di delicato sentire, costituzione normale, aspetto gradevole e maniere cortesi; non ha sofferto malattie gravi. Afferma di essere nervoso fin dall'infanzia: come la madre, ha l'occhio nevropatico e risente, da qualche tempo, disturbi cerebroastenici. Si lamenta amaramente della perversione della propria sessualità, che lo spinge sempre alla disperazione, gli toglie ogni stima di sé e potrebbe indurlo al suicidio.
L'incubo, che pesa su di lui e lo tormenta con una certa regolarità  ogni quattro settimane, sarebbe un desiderio contro natura di farsi mingere in bocca da una donna. Interrogato sull'origine di tale perversione, comunicò i fatti seguenti, interessanti per l'importanza che hanno dal punto di vista patogenetico. Quando aveva sei anni, stando a scuola in una classe mista, gli avvenne di passare una mano sotto al podice di una bambina seduta accanto a lui: egli ne risentì una sensazione gradevolissima e ripeté all'occasione l'atto medesimo con ugual risultato. Il ricordo di situazioni gradevoli di tal genere ebbe da allora una parte preminente nelle sue fantasie. Prosegui la lettura…